Sterlina ad alta volatilità sui mercati finanziari

La situazione difficile per la sterlina si acuisce per via dei dati macro che giungono dal Regno Unito. Le statistiche sulle vendite al dettaglio evidenziano una scarsa tenuta dell’economia, mentre la questione Brexit continua a tenere tutti con il fiato sospeso. Marc Carney, governatore della Banca d’Inghilterra (BOE), ha ricordato che “l’accordo di transizione per…

Continua a leggere

Euro indebolito dal risultato elettorale italiano

Tornano a farsi sentire i rischi politici nell’Eurozona, e sul valutario si avverte subito qualcosa. E’ chiaro che i mercati sono turbati soprattutto dalle spinte che evidenziano malcontento verso la UE. L’euro infatti è stato investito da una ondata di vendite a seguito del risultato elettorale Italiano. La coalizione di centro-destra ha ottenuto grandi exploit…

Continua a leggere

Economia, settimana cruciale per USA, Gran Bretagna e Giappone

La settimana che è appena cominciata prevede in calendario soprattutto un appuntamento chiave per l’economia e finanza, quello con la FED. Mercoledì infatti l’istituto centrale americano si riunirà per decidere le prossime mosse di politica monetaria. Nessuno si aspetta un ritocco dei tassi di interesse, che invece dovrebbe esserci a dicembre. La Federal Reserve però…

Continua a leggere

Cambio euro dollaro, si prevedono altri giorni di intensa volatilità

Continuano ad esserci diverse incertezze riguardo al futuro prossimo del cambio euro dollaro. Nei giorni scorsi Draghi ha sottolineato che non ci sarà il rialzo dei tassi da parte della BCE, prima che non sia cessato il quantitative easing. Anzi, ha anche aggiunto che passerò un po’ di tempo dopo la fine del programma acquisto…

Continua a leggere

Sterlina debole, continua a pesare la faccenda Brexit

Sta per cominciare il quinto round dei negoziati per la Brexit, e la situazione vede Theresa May sempre più sotto pressione. L’ultima uscita pubblica della premier s’è trasformata in un involontario show semi-comico (tra colpi di tosse, fogli sbagliati etc etc). Sono già una trentina i parlamentari che hanno chiesto le dimissioni della Premier, che…

Continua a leggere

Criptovalute, la SEC scopre un’altra ICO fraudolenta

Ancora una volta nel corso degli ultimi tempi, la SEC – l’equivalente americana della nostra Consob – è dovuta intervenire in merito ad una così detta ICO. Per chi non lo sapesse, le ICO sono raccolte fondi che generalmente vengono utilizzate per il lancio di criptovalute. Ebbene lo scorso 29 settembre 2017, la SEC (Securities…

Continua a leggere

Banca dei regolamenti Internazionali, quadro critico nel bollettino

Anche se la situazione economica sembra decisamente migliorare, la BRI (Banca dei Regolamenti Internazionali) alza il livello di guardia e ammonisce: esiste il rischio ‘bolla’, ci sono troppe imprese ‘zombie’ e il debito globale nascosto dai derivati potrebbe sfiorare la stessa cifra di quello che viene messo ufficialmente a bilancio. Sembra più un bollettino di…

Continua a leggere

Criptovalute, la BCE dice di no all’idea di farne divise Nazionali

Gli strumenti finanziari più discussi del momento sono senza dubbio le criptovalute. La marcia inarrestabile di Bitcoin, Ethereum,. Ripple, Litecoin continua a fare proseliti tra i trader, e soprattutto alimenta la nascita di nuova valute digitali. Del resto se Bitcoin ha superato quota 5mila dollari vuol dire che gli investitori credono nella forza di queste…

Continua a leggere

Euro troppo forte, questo è il grosso problema della BCE

Troppo euro per la BCE. Il paradosso dei mercati finanziari al momento è proprio questo. I tentativi da parte dell’istituto centrale europeo di alzare il livello dell’inflazione, che rimane molto lontano dal target del 2%, rischiano di diventare durissimi. A complicare le cose c’è proprio la forza enorme che sta caratterizzando l’euro. Basta aprire uno…

Continua a leggere

Inflazione troppo basse, e ora la BCE deve temere l’euro

Gira e rigira, il problema nel quale si imbatte Mario Draghi è sempre lo stesso: l’inflazione. Ormai da anni il suo livello è troppo basso e non c’è verso di spingerlo su. Ma il guaio grosso è che nel frattempo l’euro continua ad apprezzarsi sul mercato valutario (si osservi l’andamento dell’indicatore momentum trading Forex). Quindi…

Continua a leggere