E’ richiesta la consulenza di una personal shopper oppure no?

Le valutazioni sopra l’andamento di una determinata professione sono certamente legate alle competenze del consulente che tanto più è in grado di offrire con velocità e preparazione risposte alla propria clientela quanto più raggiungerà significativi risultati da un punto di vista lavorativo. Tale principio, per sua natura indiscutibile, può tuttavia non trovare in una realtà piena di avversità la sua facile realizzazione. Negli ultimi anni, ad esempio, in tutto il mondo si sono patiti gli effetti disastrosi di una crisi finanziaria che ha inginocchiato, costringendola spesso all’indigenza, buona parte delle persone. Tuttora il disagio sociale è ancora a tal punto presente da escludere in modo definitivo un elemento determinante nelle economie di ogni paese : la classe media. Questa situazione non ha soltanto impedito alla gente di godere ogni tanto delle comodità derivanti dal superfluo, ma le ha addirittura spesso precluso l’opportunità di rispondere a spese considerate ineludibili. In questo contesto pare ovvio segnalare l’importanza che un lavoratore autonomo debba attribuire alla condizione economica dei suoi clienti perchè possa sollevarsi da questo malessere generalizzato. In questa chiave va correttamente letta la professione di personal shopper. Proponendo una consulenza perlopiù concetrata sulla creazione di un look singolare, tale professionista investe il suo tempo nella ricerca di abbigliamento e accessori che sono ancora oggi i settori maggiormente fastidiati dalla crisi economica. Pertanto la clientela che la personal shopper deve corteggiare per concretare un’attività redditizia ha nel suo solido portafogli una caratteristica imprescindibile. Chi è cioè in grado di occupare il suo tempo libero negli acquisti di vestiti e gioielli di notevole qualità, ha al contempo capacità personale di investimento certamente sopra la media. Poche, dunque, sono le personal shoppers che vantano statistiche di rendimento assai positive, mentre la maggior parte fatica o a sopravvivere o addirittura ad emergere. Certo è che se il livello di relazioni risulta alto, tale professione fa acquisire a chi la svolge soddisfazioni emotive ed economiche invidiabili. Tuttavia occorre riferirsi, appunto, a coloro che offrono questo tipo di consulenza ad individui in grado ad esempio di affittare jet personali.