Borsa di Milano tonica come il resto d’Europa. Male Wall Street

Giornata molto positiva per le Borse europee, mentre invece vira al ribasso Wall Street (penalizzata dai titoli tecnologici). Nel vecchio continente è tornato un po’ di appetito al rischio dopo le rimozioni di parte delle misure di lockdown. La Borsa ha beneficiato dell’andamento positivo di alcuni big bancari, che hanno spinto i listini verso la salita (l’Euro Stoxx Banks +4,6%).

L’andamento della Borsa di Milano

A Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso in territorio positivo dell’1,71% a quota 17.677 punti. Bene anche gli altri indici (FTSE Italia All-Share +1,60%, FTSE Italia Mid Cap +1,01%, FTSE Italia STAR +0,27%). Il listino principale ha cominciato bene sin dalle prime ore del mattino, arrivando anche a quota 17.840. Poi nel pomeriggio, complice la negatività della Borsa americana, c’è stato un piccolo ripiegamento. Il FTSE Mib ha però mantenuto intatta quota 17.500, dove c’è una importante resistenza tecnica.

I singoli titoli in Borsa

Se esaminiamo i dati sulla lista broker regolamentati Consob, possiamo vedere che a Piazza Affari si sono distini soprattutto i titoli del comparto bancario, che si è mosso forte in tutta Europa. A dargli lo slancio sono stati i risultati di Ubs in Svizzera, con una crescita del 40% dell’utile netto del primo trimestre. L’indice FTSE Italia Banche segna +3,44%. Circa i singoli titoli: Bper avanza del 6,28%, Intesa del 3,73%, Ubi Banca del 3,42%, Unicredit 3,72% e Mediobanca 3,43%. Recupera intanto anche il settore oil, malgrado il prezzo del greggio continui ad annaspare.

Approfondimento: sui titoli di Borsa si può anche fare trading sulle opzioni vanilla, una modalità alternativa di investimento speculativo.

Le altre Borse

Come detto, in Europa ogni Borsa ha viaggiato in salita. La migliore è stata Londra (+1,91%), seguita da Madrid (+1,55%), Parigi (+1,43%), Francoforte (+1,27%). Male invece Wall Street, penalizzata dalla performance negativa dei titoli tecnologici. Il Dow Jones perde lo 0,14% a 24.100,65 punti, il Nasdaq cede l’1,40% a 8.6’7,73 punti mentre lo S&P500 lascia sul terreno lo 0,52% a 2.863,57 punti.