Armadietti spogliatoio, come rispettare la legge 81 / 626

armadietti-spogliatoio-a-norma

Se si deve arredare lo spogliatoio di un attività lavorativa, è fondamentale conoscere le disposizioni che vengono fornite nelle normative vigenti riguardanti la sicurezza sul lavoro.
Nello specifico bisogna stare attenti ad acquistare gli armadietti spogliatoio giusti per evitare di incorrere in sanzioni.

La legge di riferimento di cui tenere conto è Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs. n. 81/2008 che ha ripreso le disposizioni contenute nella precedente legge 626/94 ).

Ecco la parte della normativa relativa alla scelta degli armadietti spogliatoio:

ALLEGATO IV – Requisiti dei luoghi di lavoro

1. AMBIENTI DI LAVORO

[…]

1.12. Spogliatoi e armadi per il vestiario

1.12.1. Locali appositamente destinati a spogliatoi devono essere messi a disposizione dei lavoratori quando questi devono indossare indumenti di lavoro specifici e quando per ragioni di salute o di decenza non si può loro chiedere di cambiarsi in altri locali.

1.12.2. Gli spogliatoi devono essere distinti fra i due sessi e convenientemente arredati. Nelle aziende che occupano fino a cinque dipendenti lo spogliatoio può essere unico per entrambi i sessi;
in tal caso i locali a ciò adibiti sono utilizzati dal personale dei due sessi, secondo opportuni turni prestabiliti e concordati nell’ambito dell’orario di lavoro.

1.12.3. I locali destinati a spogliatoio devono avere una capacità sufficiente, essere possibilmente vicini ai locali di lavoro aerati, illuminati, ben difesi dalle intemperie, riscaldati durante la stagione fredda e muniti di sedili.

1.12.4. Gli spogliatoi devono essere dotati di attrezzature che consentono a ciascun lavoratore di chiudere a chiave i propri indumenti durante il tempo di lavoro.

1.12.5. Qualora i lavoratori svolgano attività insudicianti, polverose, con sviluppo di fumi o vapori contenenti in sospensione sostanze untuose od incrostanti, nonché in quelle dove si usano sostanze venefiche, corrosive od infettanti o comunque pericolose, gli armadi per gli indumenti da lavoro devono essere separati da quelli per gli indumenti privati.

1.12.6. Qualora non si applichi il punto 1.12.1., ciascun lavoratore deve poter disporre delle attrezzature di cui al punto 1.12.4. per poter riporre i propri indumenti.

[…]

Il testo completo della legge si può scaricare sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Come si vede, quindi, gli armadietti spogliatoio per essere a norma devono essere dotati di un sistema di chiusura che permetta ai lavoratori di tenere al sicuro le proprie cose.
Oltre a questo, nel caso in cui vengano utilizzati da lavoratori che durante lo svolgimento delle proprie mansioni si possono sporcare, devono prevedere 2 vani distinti che consentano di tenere divisi gli abiti di uso quotidiano da quelli indossati per lavorare.

Per adempiere a questo ultimo punto della normativa si possono fornire due armadietti separati per ogni persona, oppure in alternativa, scegliere gli armadietti spogliatoio con divisorio sporco-pulito, studiati appositamente per soddisfare le disposizioni indicate nella legge.

In pratica sono degli armadietti spogliatoio standard dentro ai quali viene inserito un divisorio verticale (tra il ripiano portaoggetti e il fondo) che serve ad impedire il contatto tra le due tipologie di abiti.

I modelli sporco-pulito, di fatto, sono i più utilizzati dato che permettono di risparmiare spazio e denaro.