Conosci le origini del kebab?

Non sappiamo quale sia il tuo gruppo musicale preferito, il nome del tuo animale domestico o di che colore siano i tuoi occhi, ma ciò che possiamo quasi sicuramente sapere è che, almeno una volta nella vita, sei stato in grado di goderti un kebab . Non sorprende che, sin dalla prima istituzione europea di questo tipo di sandwich aperto a Berlino negli anni ’70, la sua popolarità nelle nostre città sia cresciuta in modo schiacciante.

Ti sei mai chiesto dell’origine del kebab e dove sia nato?

La verità è che, come con quasi tutte le cose magiche e favolose esistenti, la storia del kebab non è del tutto chiara. Le ipotesi abbondano, ma nessuna ha ancora dato la risposta definitiva.

origini del kebab - girando pagina
origini del kebab

Considerando l’origine del kebab come una parola, alcuni esperti sostengono che derivi dal kabab persiano, che significa friggere, o dall’aramaico kbabā, che significa friggere o bruciare. Altri, d’altra parte, collocano l’origine del kebab nella parola kab (bruciare o arrostire) appartenente ad un linguaggio preistorico proto-afro-asiatico.

Non si sà molto sul momento in cui è nato come ricetta specifica. La teoria più diffusa assicura che l’origine del kebab sia trovata nell’invasione dell’Anatolia da parte dei turchi. Si dice che, i guerrieri usarono le loro spade per arrostire la carne sul fuoco e usarono il pane come un modo per sostituire le posate.

Ciò che è chiaro di tutto questo sono gli ingredienti del kebab. Quindi, se dobbiamo spiegare brevemente cos’è il kebab, diremo che si tratta di un panino al roastbeef (che può essere agnello, vitello, pollo o persino pesce), pane, contorni e diversi tipi di salsa. Con pomodoro, senza cipolla, con tutto in più … ci sono tanti spiedini quanti sono gli esseri umani.

Se preferisci i pancakes di grano alla pita, il tuo kebab si chiamerà dürüm, ma manterrà tutto il suo sapore.