Da cosa dipende il gusto del caffè?

Il gusto del caffè che siamo soliti bere dipende da diversi componenti: corpo, acidità, aroma, amarezza, dolcezza e retrogusto. È la combinazione equilibrata di questi sapori e caratteristiche aromatiche a far si che un caffè sia migliore o peggiore di un altro.

Quindi, per esempio, un buon caffè si distingue per l’acidità e dolcezza equilibrate, con un punto di amarezza che percepirai nella parte posteriore della bocca. E, allo stesso modo, nei suoi aromi apprezzerai le note fruttate, floreali o di cioccolato, ad esempio.

Ma ti sei mai chiesto che sapore abbia davvero il caffè? Il caffè è un alimento con una grande complessità chimica, quindi è possibile rilevare centinaia di sapori in una sola tazza.

 

Quali sono gli aromi di caffè più popolari?

Anche se non c’è dubbio che il modo migliore per gustare l’essenza del caffè sia l’espresso (nella moka o in cialde), il caffè aromatizzato è un’alternativa da considerare se si desidera provare una alternativa di qualità. Ma come si può ottenere un caffè aromatizzato?

 

Con il latte: un classico

L’aggiunta di latte al caffè è uno dei modi più classici per creare un caffè con un sapore diverso. Infatti oggi sul mercato possiamo trovare numerose proposte di caffè con latte: dal taglio classico alle varietà di latte macchiato con aromi, passando per il cremoso cappuccino. Se anche tu hai un debole per latte e caffè, questa è una variante che devi assolutamente provare.

 

Con frutta, spezie o cioccolato: il segreto dei baristi

Noci di cocco, ananas o frutti rossi, come lamponi o mirtilli, sono alcuni dei frutti più utilizzati quando si tratta di accentuare le note più fruttate del caffè. E, naturalmente, spezie come la vaniglia, la cannella o il cardamomo non possono mancare nelle creazioni più esotiche. Né può mancare la combinazione di caffè e cioccolato. Senza dubbio, uno degli accoppiamenti che non manca mai. Oggi esistono in commercio davvero tante cialde compatibili grazie alle quali potersi regalare questo piacevole momento anche più volte al giorno, con un semplice gesto della mano.