Economia cinese in frenata, Pechino interviene con misure extra

La Cina ha deciso di intervenire per arginare il rallentamento dell’economia cinese, e lo Yuan sta reagendo positivamente sui mercati valutari.

Le misure a sostegno dell’economia cinese

economia cinese yuanDa Pechino il ministero delle Finanze cinese ha annunciato nuove misure decise per rilanciare la crescita (secondo fonti Reuters l’obiettivo per quest’anno è al 6-6,5%, dal 6,6% atteso per il 2018). Si tratta della riduzione dell’IVA per alcuni settori, dell’ampliamento delle politiche preferenziali che riducono l’onere delle imposte sul reddito per piccole e micro imprese, nonché dell’incremento delle detrazioni per le spese in ricerca e sviluppo e rimborsi fiscali per l’export. Con questi interventi si punta a far ripartire l’economia cinese in questo primo trimestre.

Suggerimento: se vi interessa fare investimenti sulle valute, dedicate molto tempo a come e quale broker scegliere come migliore.

L’economia cinese si è indebolita nel 2018, a seguito della decisione di procedere a riforme strutturali a lungo termine per portare l’economia su un sentiero di crescita più graduale, ma più sostenibile. Un grosso peso l’ha ovviamente avuto anche il contemporaneo scoppio della guerra commerciale con gli Stati Uniti, che ha finito per incrementare l’incertezza sul breve periodo.

Gli effetti sullo Yuan

Lo yuan della Cina è salito contro il dollaro statunitense, sostenuto anche dalla debolezza del biglietto verde (per le crescenti aspettative che la FED frenerà l’aumento dei tassi a causa di un rallentamento della crescita globale). Come possiamo vedere sulla migliore piattaforma di trading online gratuita, il cross Usd-Cny è sceso a 6,7595. Ma ad incidere sono soprattutto dalle ripetute assicurazioni della banca centrale di Pechino secondo cui il tasso di cambio estero può essere mantenuto stabile, nonostante l’allentamento delle politiche. La Banca centrale ha annunciato che porterà avanti una politica monetaria prudente e rafforzerà aggiustamenti anticiclici.

Secondo gli analisti esiste però il rischio di un allentamento più forte, che potrebbe anche spingere la Pboc a tagliare i tassi d’interesse. Questo se le condizioni economiche si deteriorassero più bruscamente.