L’intervento di mastoplastica additiva

Di seguito proponiamo una sintesi di quella che è la procedura chirurgica che viene eseguita in occasione dell’intervento di aumento del seno, nota come mastoplastica additiva. Essa consente al seno di raggiungere un volume maggiore o di recuperare quello perduto quando si perde peso o per ricostruire un seno dopo una mastectomia o una lesione.

 

Step 1: Anestesia

Durante la procedura chirurgica, alla paziente vengono somministrati sedativi per via endovenosa o anestesia generale. Sarà il medico a consigliare la soluzione migliore in base alla situazione individuale.

 

Step 2: Incisione

Le incisioni vengono eseguite in aree discrete per ridurre al minimo la formazione di cicatrici visibili. Il chirurgo plastico indicherà alla paziente quali tipi di incisioni sono più appropriati in base al risultato desiderato. Tra le opzioni di incisione ci sono incisione inframammaria, incisione trans ascellare ed incisione periareolare.

L’incisione da adottare varia in base al tipo di impianto, al tipo di ingrandimento desiderato, alle caratteristiche anatomiche individuali e alle preferenze del chirurgo e del paziente.

 

Step 3: Scelta dell’impianto

Le dimensioni e la forma del seno sono importanti, quindi è necessario che la paziente comunichi in maniera sincera con il chirurgo per manifestare le sue reali aspettative. Il tipo e le dimensioni dell’impianto saranno determinati non solo dal volume che si desidera raggiungere, ma anche, e soprattutto, dalle caratteristiche anatomiche del seno, dall’elasticità della pelle e dalla costituzione fisica.

Opzioni per protesi mammarie

Le protesi con soluzione salina possono essere riempite con diverse quantità di soluzione, che influenzerà la forma, la rigidità e la sensazione al tatto del seno. Se si verifica una perdita, l’impianto collasserà ed il corpo assorbirà la soluzione salina, la quale verrà eliminata naturalmente.

Le protesi al silicone sono invece riempite con un gel elastico. Il gel si muove ed al tatto appare molto simile al tessuto mammario naturale. Se l’impianto dovesse presentare una rottura, il gel potrebbe anche rimanere all’interno dello stesso o potrebbe fuoriuscire all’interno della tasca protesica.

 

Passaggio 4: inserimento e posizionamento dell’impianto

Una volta effettuata l’incisione, l’impianto viene inserito all’interno di una “sacca”, la tasca protesica, la quale può trovarsi :

  1. A) Sotto il muscolo pettorale
  2. B) Direttamente dietro il tessuto mammario, sopra il muscolo pettorale

Il metodo da seguire per inserire gli impianti dipende dalla tipologia prescelta, dal grado di crescita desiderato, dalla struttura fisica e dall’esperienza del chirurgo.

 

Passaggio 5: Chiusura delle incisioni

Le incisioni sono chiuse con sutura nel tessuto mammario e con nastro chirurgico per chiudere la pelle. I segni dell’incisione si sbiadiranno nel tempo.

 

Passaggio 6: Finalmente i risultati!

I risultati dell’aumento del volume del seno sono immediatamente visibili. Nel tempo, il gonfiore postoperatorio diminuirà e i segni dell’incisione svaniranno. La soddisfazione che la paziente avrà nel vedere la sua nuova immagine aumenterà man mano che si riprenderà e si renderà conto di aver raggiunto il suo obiettivo.

Per ulteriori informazioni puoi contattare il Dott. Marco Moraci, che pratica l’intervento di Mastoplastica additiva a Napoli.