I pediatri raccomandano di cominciare a svezzare i bambini a partire dal sesto mese di età, momento in cui il latte non è più sufficiente e bisogna per questo integrare assumendo altri cibi. Chiaramente non è facile per il bambino adattarsi sin da subito ai nuovi sapori, se bene pian piano comincerà a conoscere e gustare il nuovo tipo di cibo che andremo a proporgli.

Gli alimenti che pian piano vengono introdotti nella sua dieta variano di mese in mese, e vanno introdotti chiaramente in maniera graduale anche in funzione di possibili allergie che possono manifestarsi. Dunque cominciamo sempre con piccole dosi e aspettiamo qualche giorno prima di riproporre nuovamente lo stesso tipo di cibo al bambino.

Tali introduzioni di norma riguardano la frutta come ad esempio pera, mela e banana, la verdura come ad esempio carota, patate, zucchine e pomodori e cereali quali crema di riso, mais e tapioca.
In genere dall’ottavo mese in poi viene introdotta anche la carne quale ad esempio tacchino, coniglio, pollo e manzo. Sempre nello stesso periodo viene introdotto il pesce quale ad esempio il merluzzo, la platessa e la sogliola.

Non è detto che il bambino debba comunque apprezzare tutti questi cibi, perché chiaramente ciascuno ha i suoi gusti e dunque il piccolo potrebbe avere delle preferenze verso un tipo particolare di cibo, come è normale che sia. Ad ogni modo è bene che questa introduzione avvenga in maniera graduale così da consentire anche all’organismo di abituarsi alla nuova alimentazione. A tal proposito va ricordato che sul sito Mamma Oggi trovi parecchie informazioni circa l’alimentazione del tuo bambino e tutto quel di cui hai bisogno sapere per farlo crescere forte e sano. Una risorsa ricca di consigli che riguardano sia l’aspetto alimentare che a 360° tutto quel che riguarda il benessere del tuo piccolo.