Operarsi di varicocele

Il varicocele  è una patologia spesso causa di infertilità nell’uomo, e per la quale si presenta una dilatazione del plesso pampiniforme che ha sede nel pene. Questa condizione non è rara come si potrebbe erroneamente pensare, ma riguarda il 15% circa degli uomini ed il 40% circa di quelli che hanno problemi di fertilità. Questa condizione, che si sviluppa già nel corso della pubertà, è anche causa di diversi tipi di disfunzioni testicolari. Il varicocele spesso non produce alcun tipo di fastidio o dolore, e per questo spesso il paziente scopre di esserne interessato solo nel momento in cui va ad effettuare una visita specialistica al fine di indagare sulle ragioni del suo non riuscire a procreare.  Come in tante altre patologie, è importante arrivare velocemente ad una diagnosi e ad un conseguente intervento, così da risolvere questa situazione di disagio che la coppia vive al momento.

Varicocele cause e operazione

Le piccole vene che fanno parte del plesso venoso pampiniforme fanno in modo che il sangue che affluisce in questa zona vada a mantenersi ad una temperatura che è inferiore di circa 2°-3°C rispetto quella del corpo, consentendo così che abbia luogo una regolare produzione di spermatozoi, ed il variare di questa temperatura comporta degli effetti negativi sulla fertilità dell’uomo.

L’insieme di piccole vene che fanno parte del plesso venoso pampiniforme di cui sopra, danno luogo ad un’unica vena la quale si collega con la vena renale a sinistra e nella vena cava inferiore a destra.

Se le valvole che sussistono all’interno di queste vene non funzionano bene è possibile si verifichi il varicocele, che nella stragrande maggioranza dei casi è situato a sinistra.

Diagnosticata la presenza del varicocele, è possibile intervenire mediante varicocele operazione e favorire così la fertilità. I benefici dell’intervento possono presentarsi anche a partire dai 3 mesi di distanza dall’intervento chirurgico.