Ricaricare le cartucce Epson non originali

Cartucce ricaricabili Epson

Le stampanti e i macchinari da ufficio oggi sono indispensabili per svolgere al meglio ogni tipo di attività lavorativa.

Tra i vari marchi noti troviamo Epson, marchio di una compagnia giapponese di elettronica di consumo, il cui nome completo è Seiko Epson Corporation.

Tra i maggiori prodotti che realizza troviamo sopratutto stampanti, scanner, laptop, orologi (Seiko), pc, circuiti integrati, componenti LCD e anche macchinari come proiettori, home theatre, robot e registratori di cassa.

Quindi prodotti elettronici di qualità, sia per un uso aziendale e professionale come domestico.

I prodotti Epson funzionano con le cartucce e toner dello steso marchio.

Quando dobbiamo sostituire la cartuccia della nostra stampante, fax o fotocopiatrice, del marchio Epson possiamo scegliere se acquistare una dello stesso marchio, quindi originale, o una compatibile, cartucce ricaricabili Epson oppure un kit di ricarica per cartucce Epson non originali.

Vi sono infatti varie possibilità per acquistare i consumabili, anche se non sono quelli originali.

Come ricaricare le cartucce Epson originali

Se abbiamo già delle cartucce Epson in uso, ma quando finiscono vorremmo provare a non acquistarne di nuove, c’è la possibilità di ricaricarle. Devono essere cartucce ricaricabili Epson, ovvero che si possono ricaricare. Come ricaricare le cartucce Epson originali?

Basterà quindi acquistare un pratico kit di ricarica, che consiste in una boccetta di inchiostro per stampante, una siringa, dei guanti, una spugnetta.

Si dovrà forare la zona dove si trova la pellicola nella cartuccia originale, iniettare il nuovo inchiostro, molto lentamente, senza creare fuoriuscite di inchiostro, e poi pulire i bordi con la spugnetta in dotazione. Infine richiudere il forellino con dello scotch e il gioco è fatto.
Quando la cartuccia è ricaricata, basta inserirla nella stampante e fare una stampa di prova, dovrebbe essere tutto a posto se la si è ricaricata nel modo corretto.

Si possono anche trovare in vendita kit di ricarica per cartucce Epson non originali, con i quali ricaricare le cartucce compatibili che sono adatte per venire utilizzate nelle stampanti Epson, anche se non sono le cartucce Epson originali.

Cartucce ricaricabili Epson autoresettanti

Se invece del kit di ricarica per cartucce Epson non originali si utilizzano le cartucce ricaricabili Epson, queste offrono la possibilità di poter utilizzare cartucce originali, che si possono poi ricaricare di nuovo inchiostro.

Esistono anche le cartucce ricaricabili Epson autoresettanti, ovvero un tipo di cartucce che hanno un chip autoresettante, ovvero che quando la cartuccia è vuota e la stampante segna che è il momento di cambiarla, si può inserire una cartuccia ricaricata e la stampante Epson la riconosce come nuova per cui il livello di inchiostro segnato sul display della stampante risulta pieno.

Il kit di ricarica è formato da cartucce ricaricabili vuote con chip autoreset per vari modelli Epson e quattro inchiostri per stampanti inkjet, siringa, guanti usa e getta.

Si deve ricordare anche che una cartuccia ricaricabile deve venire resettata solo se la stampante indica che è il momento di cambiare le cartucce, negli altri casi si può continuare a stampare tranquillamente e non si deve tentare di resettarla perché si potrebbero fare danni ai chip presenti nelle cartucce.