Wall Street corre veloce in attesa di sapere il nome del prossimo presidente e le decisioni che prenderà la FED questa sera. Ormai il successo di Joe Biden sembra soltanto una questione di tempo. Al candidato democratico basta infatti pochissimo per diventare nuovo presidente degli Stati Uniti, anche se Donald Trump promette di fare fuoco e fiamme per contestare il voto.

Il voto e Wall Street

Wall streetSe l’inizio dell’era Biden è ormai cosa scontata, quello sul quale non ci sono dubbi è che non sarà un trionfo come pronosticato dai sondaggisti. La Blue Wave era uno scenario molto temuto soprattutto dai titoli delle Big Tech di Wall Street, che non a caso hanno fatto “festa” nella seduta di mercoledì. Esse sfruttano ancora i benefici che porteranno loro i nuovi lockdown e la digitalizzazione delle vite e delle attività economiche. Facebook è balzata dell’8,3%, Amazon e Alphabet hanno guadagnato più del 6%, Apple è salita del 4%, Netflix del 2%. Per tutte l’Adx indicatore trading ha evidenziato una grossa volatilità.

Nessuna Blue Wave

Il punto è che senza la Blue Wave, il Senato rimarrà diviso. Questo significa che chiunque dovrà prendere delle decisioni, non avrà una forza tale da imporre grandi cambiamenti. Specie sul fronte delle tasse (Joe Biden non potrà imporre un aumento della tassazione, mentre Trump le aveva tagliate) e sul piano della regolamentazione (cosa che ridurrebbe il potere delle big tech Usa). Lo ribadiscono da giorni gli analisti delle migliori piattaforme trading online autorizzate.

Da una incertezza all’altra

Ma il rally di Wall Street continua anche oggi. I mercati si sono gettati alle spalle l’incertezza che li frenava nei giorni antecedenti alle elezioni. Anche se passata questa fase, tornerà a farsi pressante l’incertezza dovuta all’andamento della pandemia da Covid. Del resto la situazione negli Stati Uniti resta assai seria, con più di 100.000 nuovi casi nella giornata di mercoledì. Inoltre ben 7,3 milioni di americani percepiscono sussidi di disoccupazione.
Fatti che rendono necessaria una rapida approvazione del maxi piano di stimoli. Una pioggia di dollari che fa felice i mercati azionari di Wall Street.