economia brasiliana

L’ultima riunione dell’anno della Banca centrale del Brasile si è chiusa secondo le attese, con un nuovo taglio del costo del denaro. Il Banco do Brasil ha tagliato il tasso di riferimento Selic di 50 punti base, portandolo all’11,25%. Si tratta della quarta sforbiciata consecutiva ai costi di finanziamento, operata dalla banca centrale del Paese sudamericano.

Il comitato della banca centrale

banca centrale brasileSecondo il Copom (Comitato di politica monetaria), gli indicatori di attività economica sono coerenti con lo scenario di rallentamento economico che era stato previsto (nonostante una leggera espansione del PIL nel terzo trimestre).

Intanto l’inflazione al consumo resta su una traiettoria calante (a novembre il tasso annuo è sceso al 4,68%, allineandosi alle aspettative del mercato), mentre le aspettative di inflazione per il 2023, 2024 e 2025 sono rispettivamente intorno al 4,5%, 3,9% e 3,5%.

Nuovi tagli in futuro

Secondo tutti i membri del Comitato, probabilmente sarà necessaria una riduzione della stessa entità nelle prossime riunioni. Infatti ritengono che questo sia il ritmo adeguato per mantenere la politica monetaria restrittiva, così da continuare il processo disinflazionistico.

Tuttavia, la durata di questo ciclo di tagli dipenderà dall’evoluzione delle dinamiche inflazionistiche, dalle aspettative di inflazione, in particolare quelle a più lungo termine, dalle loro proiezioni di inflazione, dall’output gap e dal bilancio dei rischi.

NB. Se ti interessa negoziare il Real brasiliano, potresti trovarlo anche sui broker opzioni binarie Italia.

Il Real si irrobustisce

Dopo il meeting del BCB, la posizione del Real brasiliano si era rafforzata rispetto al dollaro. Il cambio USDBRL era sceso al minimo di oltre un mese, prima di recuperare quota e arrivare a 4,94. Il rapporto tra le due valute sembra stia disegnando un testa e spalle trading rovesciato. Colpa sia del meeting della BCB, ma anche dell’approccio della FED che è sembrato decisamente più accomodante.
Dopo i forti guadagni del mese di ottobre, il rapporto di cambio tra le due valute è entrato in una fase di range (4,86-4,94).
Invece il rendimento dei bond decennali brasiliani è sceso sotto il 10,8%, avvicinandosi al livello più basso da agosto.

© 2016-2023 Girandopagina Sito Web Article Marketing Nif ES Y6392888Y - credits by IWCom Web Agency Milano